LOGIN AD AREA RISERVATA L.R. 54/88

 

 AREA DOWNLOAD

 

 FAQ

 

 

 

Calendario Eventi

 

Giugno 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Frequently Asked Questions

FAQ sta per Frequently Asked Questions, ovvero le domande ricorrenti degli utenti. In questa sezione trovi una lista delle domande più frequenti con le risposte che vengono fornite.

Area CSAMT - Centro Studi Amministrativi della Marca Trevigiana
GPE - Gestione Pratiche Edilizie

GPE è un sistema modulare, di tipo Client / Server in ambiente Microsoft Windows, che integra numerose funzionalità completamente personalizzabili per la gestione delle Pratiche Edilizie.

Perchè compare la richiesta di aggiornamento del DB MySQL?

 

Se compare una continua richiesta di aggiornamento del DB MySQL con server Linux, all'interno del file di confgurazione  my.cnf   bisogna settare la variabile:

lower_case_table_names=1

Questo permette a MySql linux di non considerare le maiuscole nel nome delle tabelle.

Back to top
Come si installa GPE su client Win 7 a 64 bit connesso a DB MySQL?

   

Installazione di GPE su Windows 7 a 64 bit e connessione a database MySQL.

Prima di procedere con il Setup, bisogna installare il connettore ODBC:

  1. scaricare dal sito http://dev.mysql.com/downloads/connector/odbc/
  2. il seguente connettore ODBC: Windows (x86, 32-bit), MSI Installer Connector-ODBC (mysql-connector-odbc-3.51.30-win32.msi).
    N.B. E' la ver. 32 bit del connettore ODBC.
  3. installare il connettore ODBC.
  4. lanciare  l'installazione di  GPE  tramite il programma  setup  presente nella cartella Setup sul CD di installazione.
Back to top
Come si aggiorna l'installazione di GPE?

 

Per aggiornare le postazioni di lavoro che hanno installata una versione di GPE successiva alla 2.03 è necessario effettuare i seguenti passi: 

  1. Far uscire tutti gli utenti da GPE. Non deve comparire l'icona con la casetta in basso a destra sulla Taskbar di Windows.
  2. Effettuare il backup del Database. Con DB Access è sufficiente copiare il file Gpe20.mdb, altrimenti rivolgersi ai tecnici che prestano assistenza al server che ospita il DB per pianificare l'intervento.
  3. Inserire nel lettore il CD di installazione dell'ultima versione.
  4. Fare click su Risorse del Computer o su Computer, selezionare l'unità che contiene il CD.
  5. Fare click con il pulsante destro del mouse e selezionare Apri
  6. Aprire la cartella Patch e cliccare con il tasto destro del mouse sul file _Gpe20Agg.exe e selezionare 'Esegui come Amministratore".
  7. Verificare se la cartella di installazione è corretta e se necessario digitarla o selezionarla tramite l'icona "sfoglia".
  8. Fare click sul pulsante Esegui aggiornamento.
  9. Copiare tutti i file dalla cartella Moduli sul CD alla cartella dei Moduli aggiuntivi sul server e copiare tutti i file dalla cartella Reports sul CD alla cartella Reports sul server sovrascrivendo quelli esistenti con lo stesso nome..
  10. Fare accesso a GPE da un client aggiornato ed eseguire l'aggiornamento del DB.
  11. Aggiornare tutti gli altri client GPE connessi al server.

Per aggiornare le postazioni di lavoro che hanno installata una versione di GPE precedente o uguale alla 2.03 è necessario disinstallare l'applicazione e reinstallarla.

Back to top
Si possono salvare come allegati alla pratica i documenti con firma digitale (estensione p7m)?

 

Sì, nella versione 2.08 Rm05c è stata aggiunta la gestione dei documenti firmati digitalmente (estensione p7m).

Back to top
Perchè nella lista non vengono visualizzate tutte le pratiche?

 

La lista delle pratiche è una griglia che visualizza tutte le pratiche edilizie dell'archivio, tranne nei casi in cui sia stato attivato un filtro oppure sia stato spuntato il flag "Visualizza varianti in corso d'opera" che permette di nascondere tutte le pratiche create con il comando Pratica, Nuova, Variante. Il flag si trova sulla maschera di configurazione della Lista delle Pratiche.

Back to top
Come si compilano le maschere del modulo Anagrafe Tributaria?

 

  • Selezionare Moduli Aggiuntivi  dal menù di GPE, sulla barra delle applicazioni di Windows.
  • Fare un doppio click su Anagrafe Tributaria.
  • Fare click su icona Configura, posta sul pannello a sinistra.

Nel seguente file sono inserite le immagini delle maschere di configurazione del modulo, valorizzate con dati di esempio.

Logo Acrobat  Anagrafe Tributaria

Back to top
Quali termini sono fissati per le comunicazioni all'Anagrafe Tributaria?

 

Comunicazione dei comuni in materia di edilizia (DIA)

Oggetto: Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi alle denunce di inizio attività presentate allo sportello unico comunale per l'edilizia, i permessi di costruire e ogni altro atto relativo ad attività edilizia

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 2 ottobre 2006 (pubblicato in G.U. del 20/10/2006 n. 245) sono state approvate le specifiche tecniche per la trasmissione dei dati da parte degli uffici comunali per l’edilizia, dei permessi di costruire e ogni altro atto di assenso comunque denominato in materia di attività edilizia relativamente ai soggetti dichiaranti, agli esecutori e ai progettisti dell’opera. Per agevolare gli adempimenti dei comuni nella trasmissione dei dati relativi all'anno 2005, nel provvedimento viene fissato il termine del 28 febbraio 2007. Per i dati degli anni successivi il termine viene stabilito al 30 aprile dell'anno successivo a quello cui si riferiscono i dati trasmessi.

Back to top
GPE può essere installato su un Sistema Operativo a 64 bit?

 

Sì, dalla versione 2.06 Rh06j GPE può esser installato su Windows XP 64 bit, Vista, 7, 8, 10, però bisogna cliccare con il tasto destro del mouse sul file Setup.exe presente nella cartella setup sul CD di installazione e selezionare dal menu "Esegui come Amministratore".

Back to top
Dove si imposta il percorso per la connessione di GPE al DB?

 

Per connettere il Sistema GPE al suo DB bisogna selezionare Avvio, Programmi, Gpe versione 2, selezionare poi la voce GPE II - Connessione database. Compare la schermata di connessione dove nel riquadro Connessione attuale possiamo vedere i parametri dell’attuale connessione. Se si sta eseguendo il primo accesso dopo una nuova installazione di GPE, questo riquadro non conterrà alcun dato. Il riquadro Nuova connessione permette di impostare i parametri di connessione: nel caso si utilizzi il database di Microsoft Access 2000, selezionare MsAccess 2000 dal menu a tendina. Alla voce "Nome file:" digitare il nome del file con il percorso completo (Esempio: C:\GpeDati\Archivi\Gpe20.mdb) oppure fare click con il pulsante sinistro del mouse sulla cartellina verde e selezionare il file. In una configurazione di rete è consigliato scrivere il percorso assoluto (Esempio: \\nomeserver\GpeDati\Archivi\Gpe20.mdb). Il pulsante Entra registra le impostazioni ed esegue un controllo dei parametri.

 

 

Back to top
Come si definisce l'aspetto della lista delle pratiche?

 

La lista delle pratiche è una griglia che visualizza tutte le pratiche edilizie dell’archivio o quelle filtrate. Per definire l’aspetto della Lista delle Pratiche selezionare "Configura” dalla barra dei menù del modulo di Gestione Pratiche e poi ”Lista delle Pratiche“. Compare una maschera divisa in due parti: a sinistra si trova l’elenco dei campi a disposizione, a destra invece si trova la lista dei campi attualmente visibili nella griglia. Per aggiungere o rimuovere un campo basta trascinarlo da sinistra a destra e viceversa. La griglia può essere ordinata per una sola colonna (campo). Per impostare il criterio di ordinamento basta selezionare il campo desiderato e con il menù contestuale del tasto destro del mouse scegliere Ordina crescente oppure Ordina decrescente. Il flag Visualizza varianti in corso d'opera in lista permette, se spuntato, di nascondere tutte le pratiche create con il comando “Pratica“, “Nuova“, “Variante“.

 

Back to top
Come si inserisce una macro in un documento?

 

Per inserire una macro in un documento bisogna attivare il Modulo di composizione di Certificati e Documenti (Word Processing) con un click sull’icona del GPE posta in basso a destra nella barra delle applicazioni di Microsoft Windows. Selezionare la voce Certificati e Documenti dal Menù GPE. Appare in primo piano la finestra principale del modulo. In alternativa si può selezionare la voce "Stampe", "Certificati e Documenti" dal Modulo di Gestione Pratiche. All’interno di questo modulo è inoltre disponibile il tasto funzione F11 per attivare immediatamente il WP. Aprire poi un nuovo documento o aprire un documento già salvato. Dalla barra degli strumenti del WP posta sulla sinistra, premere il pulsante Macro funzioni. Il menu a tendina del pannello delle macro funzioni contiene la lista degli argomenti in cui sono raggruppate le varie macro. Selezionando un argomento, nella lista compaiono le macro ad esso associate.

Sono disponibili tre modalità di inserimento della macro nel documento:

  1. Il   pulsante Inserisci nel testo inserisce la macro selezionata nel documento attivo nell’attuale posizione del cursore.
  2. Posizionare  il cursore nella posizione desiderata  all’interno  del  documento  visibile nella  finestra  principale  e fare un doppio click con il mouse sopra il nome della macro scelta nel pannello laterale.
  3. Trascinare  il  nome  della  macro  dalla   lista  tenendo  premuto  il  tasto  sinistro  del mouse e rilasciando il  tasto nella posizione desiderata all’interno del documento.

 

Back to top
E' possibile aggiornare GPE CS su Windows 7 e su Windows Vista a 32 o 64 bit?

 

Sì è possibile seguendo le istruzioni della FAQ: “Come si aggiorna l'installazione di GPE?“

Se però lo UAC (*) è attivato e l’esecuzione della patch di aggiornamento “_Gpe20Agg.exe” notifica un errore di rimozione di alcuni file posizionati all’interno di una o più cartelle di sistema (in particolare la libreria “slPopXp.dll”) oppure se, dopo aver effettuato l’aggiornamento del client con la patch “_Gpe20Agg.exe” ed aver avviato GPE CS, viene richiesta la conferma di aggiornare il database ma non appare la finestra con la versione del database prima e dopo l’aggiornamento e l’applicativo termina senza alcuna ulteriore segnalazione, operare come indicato di seguito:

Operazioni da eseguire:

  1. Chiudere completamente qualsiasi applicazione relativa a GPE CS.
  2. Aprire il Pannello di Controllo di Windows.
  3. Aprire il Centro Operativo.
  4. Nel menù laterale sinistro selezionare Modifica impostazioni di Controllo dell’account utente.
  5. Nella finestra che appare spostare il selettore del livello su Non notificare mai (livello zero) e confermare con OK.
  6. Chiudere le finestre aperte e riavviare il sistema.
  7. Eseguire la patch di aggiornamento del client di GPE CS.
  8. Eseguire normalmente GPE CS e seguire i passaggi di aggiornamento del suo database.
  9. Eseguire nuovamente GPE CS e testare il funzionamento.
  10. Chiudere tutti gli applicativi e ripristinare il livello dello UAC impostato precedentemente.

(*) UAC è l'acronimo in inglese che significa User Account Control o, in italiano, Controllo Account Utente.

Back to top
Dove si imposta il Word processing?

 

Avviare il Modulo “Gestione pratiche”. Selezionare dal menù superiore la voce “Configura”, “Parametri di configurazione”, selezionare Microsoft Word oppure OpenOffice Writer. Fare click sul pulsante Salva.

Back to top
Come si associa la tipologia pratica ad un contatore?


Avviare il Modulo “Gestione pratiche”. Selezionare dal menù superiore la voce “Tabelle”, “Tipologia pratica”. Appare la tabella con sulla sinistra una lista (di colore giallo) contenente l’elenco delle tipologie pratica che l’ufficio tecnico al momento gestisce. Sulla destra invece è visibile l’elenco dei contatori pratica così come sono stati configurati nella funzionalità Configura: Contatori Pratiche.

E' possibile associare un contatore alla tipologia pratica nei seguenti modi:

◦Via menù contestuale del tasto destro del mouse nella lista dei contatori. Si seleziona prima la tipologia pratica poi si invoca il menù contestuale nella lista dei contatori e si sceglie la voce associa contatore.
◦Doppio click nella lista dei contatori. 
◦Trascinamento dalla lista dei contatori alla lista delle tipologie.

La voce Disassocia contatore del menù contestuale del tasto destro del mouse elimina l’associazione tra tipologia pratica e contatore pratica.

Nota: Relazione Contatori-Tipo Pratica 

L’utente ha completa libertà di definizione delle tipologie pratica e non è obbligato ad associare un contatore. Succede di frequente che più tipi pratica vengano associati ad uno stesso contatore. E’ per questo che nella maschera di creazione di una nuova pratica la prima scelta è proprio il tipo di pratica ed è possibile comunque cambiare al volo il contatore.

 

 

Back to top
Come si invia il file prodotto dal modulo Anagrafe Tributaria?

 

Il file prodotto dal modulo Anagrafe Tributaria nell'anno 2015 si chiama CATCOM14 poichè si riferisce ai dati del 2014. Ecco a grandi linee la procedura di preparazione ed invio del file CATCOM14 all'Anagrafe Tributaria tramite le funzionalità di Entratel:

 

Passo 1: Documenti -> Controlla -> Prendere il file CATCOM prodotto da GPE.

 

Passo 2: Documenti -> Verifica controllo -> Prendere il file risultato del passo 1 (salvato in C:\Entratel)

 

Passo 3: Documenti -> Autentica -> Prendere il file risultato del passo 2 (salvato in C:\Entratel)

 

Passo 4: Passare al sito dell''Agenzia delle Entrate e inviare il file con la procedura di invio.

Back to top
E' possibile inserire nella maschera "Anagrafica della pratica" il campo Codice della pratica importata da un file XML?

Sì, dal menù principale di GPE selezionare la voce Utilità, poi Definizione schede e fare doppio click su Anagrafica pratica. Fare doppio click o trascinare i seguenti campi sul pannello di destra: Pratica importata da modulo  e Codice pratica importata. Fare click con il pulsante destro del mouse e salvare. Chiudere GPE e riavviarlo. I nuovi campi verranno inseriti nella maschera dell'Anagrafica della pratica sotto la voce Altri Dati.

 

 

 

Back to top
Come si crea la macro per stampare il Codice pratica importata (da XML)?

Dal menù Stampe, Certificati e documenti, selezionare Macro funzioni. Cliccare sull’icona con la lente (ingrandisci). Cliccare sull’icona Nuova macro, copiare il nome pCodPratSU, copiare la descrizione “Codice pratica importata”, copiare il testo della macro:  Scrivi Campo("$Pratiche", "ixsCodice").   Cliccare sull’icona Salva la macro.

Back to top
Posso utilizzare LibreOffice Writer?

Sì, ma fino alla versione 4.2.

Back to top
Cosa devo fare per migrare GPE 2.08 Rq08m con database di tipo MySql su un'altro server con database dello stesso tipo?

In caso di migrazione del database GPE su un nuovo server con db MySql, non utilizzare la modalità export full, ma seguire i seguenti passi:

1)    esportare solo le tabelle.

2)    importare le tabelle sul nuovo db

3)    lanciare lo script Crea Viste GPE.sql  che ricrea le viste. 

 

 

Back to top
Come si risolve il problema della mancata apertura dei moduli con Windows 10 Anniversary Update?

1- con un browser digitare l'indirizzo:
http://go.redirectingat.com/?id=23432X820454&site=windowscentral.com&xs=1&isjs=1&url=http%3A%2F%2Fwww.catalog.update.microsoft.com%2FHome.aspx&xguid=ea5d17be3c92402a662f115ba8c1db6e&xuuid=bcfc20c23d4482bafe1ef38480ceeecf&xsessid=a8fce0ecf17571757d8cfd4dbb0fcbd1&xcreo=0&xed=0&sref=http%3A%2F%2Fwww.windowscentral.com%2Fhow-download-and-install-windows-10-cumulative-updates-manually&pref=https%3A%2F%2Fwww.google.it%2F&xtz=-60

2- nella sezione cerca in alto a destra digitare KB3206632

3- scaricare il pacchetto per il proprio w10 a 32 o 64 bit

4- lanciare l'installazione del pacchetto.

Back to top
Che dati devo inserire nella maschera "Importazione delle pratiche da modulo DPR 160/2010" ?

Provvedimenti

SCIA:   Dal menù a tendina selezionare SCIA

Cariche

Impresa: Dal menù a tendina selezionare Proprietario

Legale rappresentante: Dal menù a tendina selezionare Richiedente

Dichiarante: Dal menù a tendina selezionare Progettista / direttore dei lavori

 

Back to top
APWEB - Attività Produttive

Gestione delle licenze commerciali.

Perchè con Explorer 9 compare una pagina bianca quando si accede?

 

Il sito Web, progettato per le versioni precedenti di Windows Internet Explorer, potrebbe non essere visualizzato correttamente in Internet Explorer 9. E' possibile migliorare la visualizzazione tramite la funzionalità Visualizzazione Compatibilità. Quando si attiva Visualizzazione Compatibilità il sito Web viene visualizzato come se si utilizzasse una versione precedente di Internet Explorer. Il pulsante Visualizzazione Compatibilità è posto sulla barra degli indirizzi.

Back to top
Mi hanno ricaricato il SO, cosa devo fare?

 

Devo verificare che il browser di riferimento sia del tipo Microsoft Internet Explorer ver 5.5 SP2 o superiore e che sia presente Microsoft word.

Poi devo installare il  programma ClientOCX che si può reperire nel CD di installazione oppure dall’area di download di questo portale.

Successivamente si deve configurare il browser come di seguito indicato:

Dal menu di Internet Explorer selezionare la voce 'Strumenti – Opzioni Internet'.

Selezionare la cartella 'Generale':

  • “File Temporanei Internet” attivare il tasto “Impostazioni”, impostare nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Selezionare la cartella 'Protezione':

  • icona “Intranet locale” - attivare il tasto “Personalizza livello... “ nella sezione “Livello di protezione per l’area”.
  • nella finestra “Impostazioni protezione”, sotto il gruppo “Controlli e plug-in ActiveX” selezionare “Attiva” per tutte le voci del gruppo.
  •  Fare la stessa cosa per le voci del gruppo “Cookie” e per quelle del gruppo “Esecuzione script”. (Nota: dalla versione 6 di Microsoft Internet Explorer il gruppo “Cookie” non è presente in quanto l’abilitazione degli stessi avviene in modo automatico).

Selezionare la cartella 'Connessione':

  • nella sezione “Impostazione rete locale (LAN)”, selezionare il tasto “Impostazioni LAN”

nella sezione “Server Proxy” controllare se la voce “Utilizza un server proxy” non è selezionata. Se invece è attivo, selezionare la voce “Ignora server proxy per indirizzi locali” e attivare il tasto “Avanzate... “. Nella sezione “Eccezioni”, nello spazio riservato a “Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con” inserire l‘indirizzo del server su cui è installata l’applicazione

 

Back to top
Come si fa ad aggiungere una nuova tipologia di licenza (licenze libere)?

 

Per prima cosa devo collegarmi come Amministratore, poi entro nella tabella “Tipi attività” all’interno del menù Codifiche e inserisco Codice e Descrizione del nuovo tipo di Attività.

Poi vado al menu Utenti e abilito la nuova tipologia all’interno della voce “Moduli associati”.

E ripeto questa operazione per tutti gli utenti interessati all’utilizzo della nuova Tipologia.

Se ho creato una nuova tipologia, ma quando entro come utente non la vedo, allora dal menu di amministratore, verificare che l’utente considerato, all’interno dell’icona “moduli associati” del menu Utente, abbia spuntata la voce relativa alla nuova tipologia.

 

 

Back to top
Come posso fare perché un utente abbia anche le funzionalità ridotte di amministratore?

 

Mi collego come Amministratore e seleziono la voce di menu Utenti. Si apre una finestra con l’elenco di tutti gli utenti inseriti. Cerco l’utente desiderato e alla casella “funzioni aggiuntive” seleziono dal menu a tendina “ABILITATO”.

Back to top
Mi hanno cambiato il PC, cosa devo fare?

 

Devo verificare che il browser di riferimento sia del tipo Microsoft Internet Explorer ver 5.5 SP2 o superiore e che sia presente Microsoft word.

Poi devo installare il  programma ClientOCX che si può reperire nel CD di installazione oppure dall’area di download di questo portale.

Successivamente si deve configurare il browser come di seguito indicato:

Dal menu di Internet Explorer selezionare la voce 'Strumenti – Opzioni Internet'.

Selezionare la cartella 'Generale':

  • “File Temporanei Internet” attivare il tasto “Impostazioni”, impostare nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Selezionare la cartella 'Protezione':

  • icona “Intranet locale” - attivare il tasto “Personalizza livello... “ nella sezione “Livello di protezione per l’area”.
  • nella finestra “Impostazioni protezione”, sotto il gruppo “Controlli e plug-in ActiveX” selezionare “Attiva” per tutte le voci del gruppo.
  •  Fare la stessa cosa per le voci del gruppo “Cookie” e per quelle del gruppo “Esecuzione script”. (Nota: dalla versione 6 di Microsoft Internet Explorer il gruppo “Cookie” non è presente in quanto l’abilitazione degli stessi avviene in modo automatico).

Selezionare la cartella 'Connessione':

  • nella sezione “Impostazione rete locale (LAN)”, selezionare il tasto “Impostazioni LAN”

nella sezione “Server Proxy” controllare se la voce “Utilizza un server proxy” non è selezionata. Se invece è attivo, selezionare la voce “Ignora server proxy per indirizzi locali” e attivare il tasto “Avanzate... “. Nella sezione “Eccezioni”, nello spazio riservato a “Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con” inserire l‘indirizzo del server su cui è installata l’applicazione.

Back to top
Non riesco ad entrare nel programma come utente sola lettura

 

Verificare se si sta utilizzando il giusto percorso: il link di collegamento per sola lettura si ottiene da quello di utente sostituendo apweb con apweblettura.

Esempio: http://localhost/apweblettura

Back to top
Creare un utente sola lettura

 

Mi collego come Amministratore e seleziono la voce Utenti.

Dalla barra dei pulsanti selezionare il comando "Inserisci".

Si apre una finestra pop-up (Dati Utente) di inserimento dati.

Sono presenti campi editabili per immettere informazioni concernenti l'utente, i campi con * sono obbligatori, mettere una password provvisoria (es. 12345678) di otto caratteri alfanumerici, il programma obbliga al primo login dell’utente creato la sostituzione con una nuova che sarà quella d’utilizzo.

Nella casella a tendina “Stato” impostare il livello d’utilizzo “LETTURA”

La casella a tendina “Moduli associati” consente di scegliere una o più tipologie d’attività sulle quali l'utente è abilitato a lavorare.

Per salvare le informazioni del nuovo utente selezionare l'opzione "Salva" presente sulla barra dei pulsanti della finestra pop-up.

Utilizzare il pulsante "Esci" per annullare l'inserimento dei dati.

N.B.: il link di collegamento per sola lettura si ottiene da quello di utente sostituendo apweb con apweb lettura.

Esempio: http://localhost/apweblettura

Back to top
Nelle maschere di inserimento dati, se aggiorno un dato, una volta ricaricata la pagina si ripresenta quello precedente

 

Verificare la configurazione del browser e in particolare se  nella cartella 'Generale'  del menu opzioni alla voce “File Temporanei Internet” -  “Impostazioni”, si è impostato nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Back to top
Cosa posso fare se mi sono dimenticato la password di Amministratore?

 

L’operazione di ripristino della password di Amministratore non è una operazione consentita agli utenti.

Per chiedere il ripristino della password contattare il servizio di assistenza Apweb (vedi alla pagina “Come contattarci” di questo portale).

Back to top
Come si entra nel programma come Amministratore?

 

Per avere disponibili tutte le funzionalità dell’amministratore si deve utilizzare, per il login, il link specifico che si determina aggiungendo in coda al link utente /am_frame_iniziale.asp.

Esempio: http://localhost/apweb/am_frame_iniziale.asp .

Si ricorda che un sottoinsieme delle funzionalità dell’amministratore sono disponibili anche per l’utente normale se sono state abilitate da amministratore.

Back to top
Cosa devo fare se nella maschera di Login, quando inserisco user e password ricevo la segnalazione di utente scaduto e/o password bloccata?

 

Mi collego come Amministratore e seleziono la voce di menu Utenti.

Si apre una finestra con l’elenco di tutti gli utenti inseriti. Cerco l’utente desiderato e clicco sull’icona “gomma da cancellare” per il reset della scadenza della Password.

Questo comando mi obbliga, alla prossima connessione, alla sostituzione della password con una nuova che sarà quella d’utilizzo.

Back to top
Voglio inserire un nuovo utente, come si può fare?

 

Mi collego come Amministratore e seleziono la voce Utenti.

Dalla barra dei pulsanti selezionare il comando "Inserisci".

Si apre una finestra pop-up (Dati Utente) di inserimento dati.

Sono presenti campi editabili per immettere informazioni concernenti l'utente, i campi con * sono obbligatori, mettere una password provvisoria (es. 12345678) di otto caratteri alfanumerici, il programma obbliga al primo login dell’utente creato la sostituzione con una nuova che sarà quella d’utilizzo.

Nella casella a tendina “Stato” impostare il livello d’utilizzo del prodotto.

Utilizzare la casella a tendina “Funzioni aggiuntive” per l’abilitazioni a tali funzioni.

La casella a tendina “Moduli associati” consente di scegliere una o più tipologie d’attività sulle quali l'utente è abilitato a lavorare.

Per salvare le informazioni del nuovo utente selezionare l'opzione "Salva" presente sulla barra dei pulsanti della finestra pop-up.

Utilizzare il pulsante "Esci" per annullare l'inserimento dei dati.

Back to top
Cosa devo fare se un utente si è dimenticato la password?

 

Mi collego come Amministratore e seleziono la voce di menu Utenti.

Si apre una finestra con l’elenco di tutti gli utenti inseriti.

Posizionarmi sul campo Password dell’utente desiderato, sbloccare il campo premendo sull’cona  sblocca/blocca password presente sulla destra e inserire una password provvisoria (es. 12345678) di otto caratteri alfanumerici; il programma obbliga al primo login la sostituzione con una nuova che sarà quella d’utilizzo.

Back to top
Che tipo di browser sono supportati?

 

Per il corretto funzionamento del programma è richiesta la presenza del browser Microsoft Internet Explorer ver 5.5 SP2 o superiore.

Back to top
Come devo configurare la stazione Client per la Gestione Documentale?

 

Devo installare il  programma ClientOCX che si può reperire nel CD di installazione oppure dall’area di download di questo portale.

Successivamente si deve configurare il browser come di seguito indicato:

Dal menu di Internet Explorer selezionare la voce 'Strumenti – Opzioni Internet'.

Selezionare la cartella 'Generale':

  • “File Temporanei Internet” attivare il tasto “Impostazioni”, impostare nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Selezionare la cartella 'Protezione':

  • icona “Intranet locale” - attivare il tasto “Personalizza livello... “ nella sezione “Livello di protezione per l’area”.
  • nella finestra “Impostazioni protezione”, sotto il gruppo “Controlli e plug-in ActiveX” selezionare “Attiva” per tutte le voci del gruppo.
  •  Fare la stessa cosa per le voci del gruppo “Cookie” e per quelle del gruppo “Esecuzione script”. (Nota: dalla versione 6 di Microsoft Internet Explorer il gruppo “Cookie” non è presente in quanto l’abilitazione degli stessi avviene in modo automatico).

Selezionare la cartella 'Connessione':

  • nella sezione “Impostazione rete locale (LAN)”, selezionare il tasto “Impostazioni LAN”
  • nella sezione “Server Proxy” controllare se la voce “Utilizza un server proxy” non è selezionata. Se invece è attivo, selezionare la voce “Ignora server proxy per indirizzi locali” e attivare il tasto “Avanzate... “. Nella sezione “Eccezioni”, nello spazio riservato a “Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con” inserire l‘indirizzo del server su cui è installata l’applicazione.
Back to top
Come devo configurare la stazione Client per l’ utente Amministratore?

 

Devo installare il  programma ClientOCX che si può reperire nel CD di installazione oppure dall’area di download di questo portale.

Successivamente si deve configurare il browser come di seguito indicato: 

Dal menu di Internet Explorer selezionare la voce 'Strumenti – Opzioni Internet'.

Selezionare la cartella 'Generale':

  • “File Temporanei Internet” attivare il tasto “Impostazioni”, impostare nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Selezionare la cartella 'Protezione':

  • icona “Intranet locale” - attivare il tasto “Personalizza livello... “ nella sezione “Livello di protezione per l’area”.
  • nella finestra “Impostazioni protezione”, sotto il gruppo “Controlli e plug-in ActiveX” selezionare “Attiva” per tutte le voci del gruppo.
  •  Fare la stessa cosa per le voci del gruppo “Cookie” e per quelle del gruppo “Esecuzione script”. (Nota: dalla versione 6 di Microsoft Internet Explorer il gruppo “Cookie” non è presente in quanto l’abilitazione degli stessi avviene in modo automatico).

Selezionare la cartella 'Connessione':

  • nella sezione “Impostazione rete locale (LAN)”, selezionare il tasto “Impostazioni LAN”
  • nella sezione “Server Proxy” controllare se la voce “Utilizza un server proxy” non è selezionata. Se invece è attivo, selezionare la voce “Ignora server proxy per indirizzi locali” e attivare il tasto “Avanzate... “. Nella sezione “Eccezioni”, nello spazio riservato a “Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con” inserire l‘indirizzo del server su cui è installata l’applicazione.
Back to top
Come devo configurare la stazione Client per un utente sola lettura?

 

Dal menu di Internet Explorer selezionare la voce 'Strumenti – Opzioni Internet'.

 Selezionare la cartella 'Generale':

  • “File Temporanei Internet” attivare il tasto “Impostazioni”, impostare nella sezione “Ricerca versioni più recenti delle pagine memorizzate” la voce “All’apertura della pagina”.  Tasto ok.

Selezionare la cartella 'Protezione':

  • icona “Intranet locale” - attivare il tasto “Personalizza livello... “ nella sezione “Livello di protezione per l’area”.
  • nella finestra “Impostazioni protezione”, sotto il gruppo “Controlli e plug-in ActiveX” selezionare “Attiva” per tutte le voci del gruppo.
  •  Fare la stessa cosa per le voci del gruppo “Cookie” e per quelle del gruppo “Esecuzione script”. (Nota: dalla versione 6 di Microsoft Internet Explorer il gruppo “Cookie” non è presente in quanto l’abilitazione degli stessi avviene in modo automatico).

Selezionare la cartella 'Connessione':

  • nella sezione “Impostazione rete locale (LAN)”, selezionare il tasto “Impostazioni LAN”
  • nella sezione “Server Proxy” controllare se la voce “Utilizza un server proxy” non è selezionata. Se invece è attivo, selezionare la voce “Ignora server proxy per indirizzi locali” e attivare il tasto “Avanzate... “. Nella sezione “Eccezioni”, nello spazio riservato a “Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con” inserire l‘indirizzo del server su cui è installata l’applicazione.

N.B. Per il corretto funzionamento del programma è richiesta la presenza del browser Microsoft Internet Explorer ver 5.5 SP2 o superiore.

Back to top
GEOMEDIA - Geographic information system

Sistema informativo computerizzato che permette l'acquisizione, la registrazione, l'analisi, la visualizzazione e la restituzione di informazioni derivanti da dati geografici (geo-riferiti).

Posso installare GeoMedia RVE su windows 8?

 

Sì, ma devo avere l'ultima versione distribuita attualmente: GeoMedia Regione Veneto 2013.

GeoMedia RVE 4.0 (anche con minor release 06.01.11.13) non è certificato su PC con Sistema Operativo Windows 8.

Back to top
Quali sono i requisiti per una licenza server - concurrent?

 

Per poter usufruire dei vantaggi offerti da una licenza di tipo concurrent, dalla versione GeoMedia 2013 si usa il Composite ID della postazione server ed il tool 'Intergraph License Administration' per la generazione e gestione del servizio.

Mettendo a disposizione la licenza alle altre postazioni, questo server deve essere naturalmente acceso per consentire il funzionamento del servizio, quindi sarebbe meglio evitare di utilizzare una postazione che subisca troppi riavvi o arresti.

Per creare o modificare il servizio di licenza è necessario essere amministratori della postazione server. 

Back to top
E’ vero che le licenze scadono? Come posso fare per rinnovarle?

 

Si, tutte le licenze di GeoMedia vanno rinnovate annualmente. Il termine della prossima scadenza è fissato per il 14/01/16. Se non si rinnova la licenza, non sarà più possibile utilizzare il programma oltre tale data.

Per ricevere in automatico il nuovo file di licenza, è sufficiente che nel corso del 2015 l'Amministrazione abbia inviato la seguente modulistica:

- richiesta software: modello per richiedere il ritiro o gli aggiornamenti dei software distribuiti ai sensi della L.R. 54/88;

- reseau della società dell'informazione: tutte le schede devono essere aggiornate (anche quella relativa al monitoraggio su GeoMedia).

Entrambi i documenti devono essere protocollati e firmati dall'Amministrazione (naturalmente con numeri differenti) ed inviati presso i nostri uffici tramite pec.

Back to top
Su quante postazioni posso installare GeoMedia RVE?

 

Dipende dagli accordi presi con l’Ufficio Rapporti con il Territorio - L.R. 54/88 della Regione Veneto!

Ogni postazione necessita normalmente di due licenze: quella per GeoMedia e quella per gli strumenti integrativi (menù Regione Veneto)

Le licenze vengono generate in base a dei codici restituiti dal PC al momento dell’installazione. Questi codici sono univoci e legati all’hardware.

Sono state recentemente messe a disposizione alcune licenze di tipo Concurrent; queste consentono di utilizzare (non in contemporanea) il programma su più postazioni utilizzando un'unica licenza. In questo caso non vi sono limiti nelle installazioni poichè la licenza attivata, e di conseguenza la postazione attiva, è sempre una

In sintesi: il CD permette l’installazione di GeoMedia RVE, ma per funzionare oltre il periodo di prova (30 gg) è necessario attivare le licenze che vengono rilasciate dall’Ufficio Rapporti con il Territorio nelle modalità e in numero proporzionale a seconda dell’Amministrazione richiedente e dagli accordi presi concordatamente.

 

Back to top
Posso installarlo su Windows 7?

 

Si, dalla versione 6.1 con minore release 06010716.

Back to top
GeoMedia può essere installato su un Sistema Operativo a 64 bit?

 

Si, dalla versione 6.1 di GeoMedia (GeoMedia Regione Veneto 3.03).

Back to top
Come posso conoscere la versione di GeoMedia?

 

Aprendo il programma, anche un progetto vuoto, andando nel menù Help, About GeoMedia.

Le prima 4 cifre indicano la versione: 0600 (GeoMedia 6.0); 0601 (GeoMedia 6.1).

Le ultime 4 cifre la minore release.

Back to top
ReHosting – Spostamento licenza

 

GeoMedia RVE viene licenziato su specifico Host ID legato al PC.

Il cambio dell’Host ID di un file di licenza esistente, richiede quindi una licenza sostitutiva. Questa procedura è chiamata Rehosting.

La prassi consente al massimo un Rehosting ogni sei mesi.

Alcune ragioni valide per richiedere un Rehosting sono:

  • sostituzione PC
  • sostituzione di una componente hardware nel PC (hard-disk, scheda di rete, etc.)
  • sostituzione del Sistema Operativo
  • aggiunta scheda di rete
  • riorganizzazione interna e spostamento PC

Per effettuare un Rehosting è necessario comunicarlo all’Ufficio Rapporti con il Territorio della Regione Veneto tramite apposito modulo scaricabile dall’Area Download

Entro qualche giorno si riceveranno tramite mail i nuovi file di licenza.

Back to top
Come inserisco un’immagine georeferenziata – ortofoto?

 

Devo avere una Warehouse GeoMedia in modalità lettura/scrittura collegata al GeoWorkspace.

Tramite il comando nel tab Raster – Georeferenced Images, vado a memorizzare in una feature class GeoMedia le informazioni riguardanti le coordinate, l’estensione e la posizione delle immagini.

Quindi, procedendo in ordine, lascio la voce Automatic in Georeference Mode (GeoMedia selezionerà in automatico il tipo di georeferenziazione a seconda dell'estensione dell'immagine), seleziono il file di coordinate con l'estensione csf (di norma se le immagini arrivano dalla Regione Veneto, seleziono il gbo.csf) e vado a selezionare la cartella contenente le immagini.

Nel riquadro Available file, ho l'elenco di tutti i file e vado a selezionare (porto nel riquadro di destra tramite il pulsante a freccia) solo l'immagine, o le immagini, che voglio inserire e visualizzare.

Nel riquadro Insert images Into, selezionare la warehouse e la feature classes nella quale inserire l'immagine. (per creare una feature classes è sufficiente posizionare il cursore nella casella del menù a tendina e digitare un nome [ad es. ortofoto_2012]). In questo modo nella feature class creata saranno memorizzate tutte le informazioni per visualizzare le immagini raster.

Le volte successive che avrò bisogno di visualizzare le stesse immagini, in altre mappe o in altri GeoWorkspace, dovrò semplicemente collegarmi alla Warehouse e caricare in legenda la feature class.

Back to top
Esiste un visualizzatore di GeoMedia? Dove posso trovarlo?

 

GeoMedia Viewer è la versione gratuita e libera per visualizzare dati GIS. Può essere installato su quante postazioni si vuole non essendo legato a licenza.

Per averlo è possibile richiederlo presso gli uffici della L.R. 54/88, oppure scricarlo direttamente dal seguente link:

GeoMedia Viewer 14.2

Back to top
Come si rende modificabile un file?

 

La maggior parte delle connessioni è in modalità solo lettura. Per poter modificare un file con GeoMedia RVE è necessario ‘copiarlo’ nel formato in cui GeoMedia scrive: mdb Access.

Per modificarlo quindi bisogna utilizzare il comando nel tab Manage data Output to Feature Classes (esporta nel ‘file GeoMedia’).

Dalla maschera, tramite la scheda General, bisogna selezionare (mettendo la spunta) il file che si vuole copiare-rendere editabile, e tramite il menù a tendina Target Connection, dirgli in quale Warehouse copiare il file.

Nella scheda Advanced si trovano alcune impostazioni avanzate che permettono ad esempio di modificare il nome della feature class finale, selezionarne gli attributi, accodare il file ad una feature class esistente, modificare il sistema di coordinate di destinazione, etc.

Premendo il pulsante OK sarà fatta una copia modificabile del file selezionato.

Back to top
Come si crea un nuovo file?

 

Condizione essenziale per creare un nuovo file con GeoMedia RVE, è avere una connessione in modalità lettura/scrittura, quindi essere collegati ad una Warehouse Access.

Quando si parla di file nel formato GeoMedia, parliamo di Feature Class: ossia classe di oggetti.

Per creare quindi un nuova Feature Class, bisogna utilizzare il comando nel tab Manage dataFeature'  (Feature Class Definition)

Selezionare la warehouse nella quale creare la feature class e premere il pulsante New.

Nella maschera che appare sono presenti due schede:

-          General: consente di definire il nome della feature class, il tipo di geometria contenuta ed il sistema di coordinate;

-          Attributes: consente di definire gli attributi, le proprietà

Back to top
Come si crea una nuova banca dati nella quale modificare o creare nuovi file?

 

GeoMedia RVE non ha un formato proprietario nel quale memorizza i dati, ma utilizza il formato mdb di Access per scrivere. In questo formato GeoMedia RVE è in grado di memorizzare oltre ai dati alfanumerici anche quelli grafici e geografici.

La connessione ad un mdb Access è l’unica in GeoMedia RVE in modalità lettura/scrittura; tutte le altre sono in sola lettura.

Per creare una nuova banca dati (Warehouse) è sufficiente selezionare il comando nel tab Manage data ‘Warehouse – New Warehouse’; selezionare un modello (si consiglia di lasciare selezionato quello di default, il normal) premere il pulsante New ed infine scegliere dove e con che nome salvare la nuova bancadati.

Automaticamente si sarà collegati alla nuova Warehouse.

Con questo metodo viene creato il ‘contenitore’, da questo momento sarà possibile creare o rendere editabili dei file.

 

Back to top
Come posso visualizzare dati di tipo CAD?

 

I dati di tipo CAD (dxf, dwg), possono essere visualizzati in GeoMedia creando uno schema per visualizzare quelli che sono dei dati grafici in un software GIS. Tale schema può essere creato in maniera automatica e guidata da GeoMedia utilizzando il comando nel tab Manage data > Display CAD Files.

Attraverso la procedura, nella scheda Advanced, è possibile anche definire se si vuole visualizzare il contenuto di tutti i layer in un’unica voce, oppure se per ogni layer autocad caricare una voce in legenda.

In alternativa, o per impostare in maniera dettagliata la visualizzazione, è possibile utilizzare lo strumento specifico di GeoMedia. Per farlo, lanciare quindi da Start, Programmi, GeoMedia, Utilities, Define CAD Server Schema File.

Back to top
Mi hanno sostituito un pezzo del PC e GeoMedia RVE non si apre più. Cosa devo fare?

 

Devo procedere con la richiesta di ReHosting per ricevere i nuovi file di licenza.

Quindi scarico, compilo ed invio tramite pec il modello scaricabile nell’Area Download

 

Back to top
Cambio il PC dove c’è GeoMedia, cosa devo fare?

 

Devo installare GeoMedia RVE sulla nuova postazione, questa mi restituirà i nuovi codici (Host ID e Strumenti Integrativi) legati alla nuova macchina.

Procedo scaricando, compilando, protocollando e inviando tramite fax il modello di Rehosting scaricabile nell’Area Download.

Rimuovo GeoMedia dalla vecchia postazione.

Back to top
Cosa devo fare se dopo aver installato e attivato GeoMedia RVE su windows 7, gli strumenti integrativi non funzionano?

 

Se dopo aver installato e attivato correttamente GeoMedia Regione Veneto nel PC con windows 7, riesco a lavorare con GeoMedia, ma ho problemi con gli strumenti integrativi; devo prendere il file GM_Edit.lic e copiarlo esclusivamente nella sottocartella della directory di installazione \Program\Custom\edit\

solitamente in C:\Programmi\GeoMedia\Program\Custom\edit\

Se anche questo non funziona, devo controllare la versione degli strumenti integrativi (Regione Veneto > Informazione versione). Per funzionare correttamente su postazioni con windows 7 oppure a 64 bit, è raccomandata la versione 4.0 che necessita di un nuovo file di licenza rispetto le precedenti.

Back to top

Per offrirti il miglior servizio, questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa. Proseguendo la navigazione nel sito o cliccando su chiudi acconsenti all'uso dei cookie.